Vallerotonda – Domenica 12 c’è la festa di San Martino e del vino novello: stand enogastronomici, giochi e…divertimento

L’appuntamento è per domenica 12 novembre a partire da mezzogiorno quando a Vallerotonda tornerà la Festa di San Martino (detta anche Festa dei Cornuti).

CASSINO. Questa ricorrenza, giunta oramai alla 31ª edizione, rappresenta una data attesissima per fare festa tra giochi, costumi e delizie enogastronomiche della tradizione “Vardonnese”.

Un appuntamento che mira anche alla promozione e alla valorizzazione delle risorse locali, specie storico-ambientali, apprezzate da un sempre crescente numero di visitatori. San Martino sintetizza la tradizione culinaria ed artigianale locale curata nei più piccoli particolari per poter far rivivere emozioni e sensazioni di altri tempi.

Il tutto si rifà alla figura di San Martino di Tours, il Santo simbolo della solidarietà che divise il suo mantello donandolo ad un mendicante infreddolito.

Ristorante Pizzeria La Cortiglia - VallerotondaI festeggiamenti di rito, come ogni anno, saranno scanditi da diversi momenti importanti.

In Piazza Duomo, a Vallerotonda, ci si appresta a rivivere la goliardica Festa di San Martino (Festa dei cornuti) e la “Festa del vino novello”, occasione ideale anche per degustare tante prelibatezze preparate secondo antiche ricette da sapienti massaie.

Oltre venti pietanze tradizionali verranno proposte ai visitatori ad prezzi contenuti. La moneta? Si pagherà tutto in Corni, niente euro.

L’intera giornata sarà accompagnata da gruppi itineranti di musica popolare. Ci saranno i “Pìcari del Cominium”, che dopo un accurato studio delle danze popolari riproporranno in una chiave innovativa quelle che erano i balli di una volta.

Sarà della festa anche la Ragno Band, un artista che da solo riesce a suonare contemporaneamente più strumenti; non mancheranno gli zampognari, a ricordarci che il Natale è oramai vicino, così come l’immancabile Maestro Giovanni Capezzuto.

Il programma quest’anno prevederà delle interessanti novità dedicando due importanti spazi ai bambini ed alle famiglie tramite i “Laboratori del gusto”.

Dalle 14.00, Elisa coinvolgerà grandi e piccoli in una nuvola di farina: tutti impegnati per fare la pasta a mano secondo l’antica ricetta contadina.

A seguire sarà possibile partecipare alle dimostrazioni didattiche sul ciclo del latte: Fiore ed Orfy porteranno i più piccoli a scoprire tutti i segreti del formaggio dimostrando, praticamente, come lo si ottiene partendo dalla materia prima.

Il clou sarà la tradizionale sfilata dei Cornuti.

Nuovi e vecchi Cornuti andranno a popolare le vie del paese  e le sorprese non mancheranno…

In questo contesto le corna sono rappresentano la forza, come negli animali e nelle rappresentazioni delle divinità.  Simbolo di forza e potenza, le corna erano utilizzato anche da Vichinghi che le sfoggiavano sui loro copricapo e sulle loro navi. Corna e mani cornute discendono da culture in cui erano considerati simboli positivi; vi si ricorreva per scacciare il ‘male’.

E poi? Eh, non finisce qui, ma tocca scoprirlo in prima persona.

Condividi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi