Uil Frosinone- “Ecco la nostra legge di Bilancio”

Pensioni, giovani, occupazione, sanità e contratti, temi sui quali Uil, Cgil e Cisl continua a tenere alta l’attenzione dopo la manifestazione di sabato scorso davanti la Prefettura, chiedendo al governo e al parlamento, che si apprestano a discutere e approvare la legge di bilancio 2018, risposte in grado di garantire il welfare.

E’ Anita Tarquini, rappresentante della Uil di Frosinone, ad illustrare i contenuti delle istanze presentate: «Sulle Artattoopensioni – specifica – la richiesta è quella di avviare un confronto per modificare l’attuale normativa per superare la disparità di genere che penalizza le donne, sostenere le pensioni future e rafforzare la previdenza complementare, separare la spesa previdenziale da quella assistenziale, ripristinare la perequazione dei trattamenti pensionistici, allargare la platea dei destinatari dell’Ape sociale, e verificare la consistenza delle risorse residuate per l’opzione donna e l’ottava salvaguardia relativa agli esodati».

Il sindacato punta ad accelerare il negoziato riguardante il rinnovo dei contratti del Pubblico Impiego: «Una nuova stagione che punti a superare la politica dei tagli, il blocco delle assunzioni così come quello delle retribuzioni perseguita negli ultimi anni. Chiediamo in particolare la stabilizzazione dei precari e l’incremento dei salari».

C’è poi il problema legato alla forte disoccupazione giovanile che, oggi, impedisce di guardare al futuro con ottimismo: «Occorre dunque – spiega la Tarquini – favorire l’ingresso stabile dei giovani nel mercato del lavoro contrastando l’abuso dei tirocini extracurriculari, rafforzare e qualificare l’apprendistato come forma prevalente l’ingresso nel mercato del lavoro e qualificare i percorsi di alternanza scuola-lavoro. E’ fondamentale, inoltre, ridurre il divario tra Nord e Sud e valorizzare le professionalità».

Chiesti interventi a difesa dell’occupazione partendo da nuove iniziative che rafforzino le politiche attive senza però intaccare il sistema dell’ammortizzatori sociali. La durata e l’utilizzo della cassa integrazione andrebbe allargata per la aree di crisi complesse e non complesse che, in provincia di Frosinone, riguardano rispettivamente la zona Nord e l’area di Sora, mentre per i casi di maggiore criticità il governo dovrebbe essere pronto ad intervenire sulla Naspi e sulla mobilità. Chiesta anche l’introduzione di ammortizzatori sociali per le imprese fino a 5 dipendenti che
oggi ne sono sprovviste.

Importanti anche le richieste sulla sanità oggi vittima di tagli che hanno portato milioni di persone a rinunciare alle cure a causa degli alti corsi e delle difficoltà di accesso al servizio: «Al governo spetta il compito di incrementare il finanziamento del Sistema Sanitario Nazionale e predisporre un piano straordinario per la prevenzione e promozione di stili di vita sani. La rimodulazione del sistema dei ticket che escluda i soggetti in condizione di povertà, quindi l’incremento dei finanziamento per il fondo di non-autosufficienza».

Condividi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi