Terrore a Parma, mamma e figlia massacrate in casa: ricercato l’altro figlio ex promessa del calcio

Mamma e figlia sono state trovate letteralmente massacrate all’interno del proprio appartamento, a Parma.

Nfum Patience 45 enne e la piccola Magdalene Nyantakyi 11enne entrambe di origini ghanesi ma da anni residenti in Italia, sono state trovate uccise verso le 21 di ieri nel loro appartamento in via San Leonardo, nella prima periferia della città ducale.

Una scena del delitto da film dell’orrore con sangue dappertutto. Ci sarebbe un sospettato che al momento è ricercato ed è un secondo figlio della donna, Solomon Nyantakyi, 21 anni, una promessa del calcio mancata, tanto che fu convocato in prima squadra diverse volte da Donadoni, nell’anno del crac del Parma che costrinse la società emiliana a ripartire dai dilettanti.

A scoprire il tutto è stato un terzo figlio della donna, Raymond Nyantakyi, 25 anni, quando è tornato a casa dopo la giornata di lavoro, ed è stato immediatamente sentito in Questura. I sospetti si sono riversati immediatamente sul 21enne che nel frattempo era sparito ed il suo telefonino è risultato irraggiungibile proprio dal momento del delitto.

Il padre e marito era all’estero per lavoro e sta rientrando in Italia dopo aver saputo della tragedia.

Solomon Nyantakyi ha dovuto rinunciare pian piano al calcio per le sue intemperanze comportamentali. Ha vinto uno scudetto Allievi con la formazione della sua città, collezionando anche qualche (successiva) convocazione in prima squadra. A seguito del fallimento dei gialloblù è stato tesserato con il Tuttocuoio (Lega Pro) e Imolese (Serie D).

Ora è ricercato.

 

 

Condividi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi