Terremoto di magnitudo 7.2 a confine tra Iran e Iraq: più di 300 morti ma è bilancio provvisorio

Sono più di 300 i morti causati da un terremoto di magnitudo 7.2 che ha colpito ieri sera la zona al confine tra Iraq e Iran.

Oltre 2.500 le persone rimaste ferite dagli effetti della scossa, avvertita anche in Turchia e Israele. Ma il conteggio del disastro è destinato ad aumentare con il passare delle ore, man mano che i soccorritori riusciranno a raggiungere le zone più impervie e a rimuovere le macerie delle centinaia di strutture crollate.

La città più colpita è Sarpol-e Zahab nella provincia di Kermanshah, dove le vittime sono 339; mentre nel Kurdistan iracheno si contano 11 vittime e almeno 350 feriti.

Approfondisci

Condividi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi