Serie D- Cassino ai minimi termini va a Lanusei: in campo tanti giovani, Abreu vice-Giglio

di Antonio Tescione

CASSINO. All’apice di una settimana quanto meno turbolenta per gli addii di Totò Giglio e Damiano Partipilo, ovvero due protagonisti della fresca promozione in “D”, nonché di Moracci, arrivato questa estate con la fanfara, ritorna il campionato. E coi resti della rosa (tenendo conto anche dei saluti di mezza stagione di Gernone e Lopez), mister Urbano deve cercare di far quadrare il cerchio, sul campo del Lanusei, terra sarda, in attesa degli annunciati ed ormai improcrastinabili rinforzi.

La fuga di Giglio, che non era nella lista dei partenti, fa un po’ riflettere ed innesca la domanda di cosa possa essere successo di cosi grave nello spogliatoio biancazzurro durante l’intervallo della partita di domenica scorsa col Trastevere.

Le opinioni si possono esprimere in tanti modo, probabilmente 7 giorni fa si è forzato il modo e sicuramente sbagliato il tempo. Con una partita ancora da giocare prima dell’apertura delle liste si sarebbe potuto fare buon viso e cattivo gioco. Ovvero il gioco che serviva a fare gli interessi della società e di tutto l’ambiente.

Partipilo e Moracci avevano già sub-odorato che la loro avventura in biancazzurro stava per arrivare al capolinea. Moracci vabbé è squalificato, ma Partipilo in un questo scenario avrebbe fatto comodo ad Urbano. E ancor più Giglio che è vero ha segnato poco, ma è pure vero che era una pedina importante di un reparto che i gol li fa e non per grazia ricevuta.

A tutti gli effetti ad Urbano viene a mancare la spina dorsale della squadra sempre schierata e deve cercare di metterci una grande pezza. Brunetti in difesa, Cavaliere a centrocampo e Abreu abbassando ancor più l’età media dell’11. Solo giovani, altro non ha. Il Lanusei è penultimo in classifica ma in casa non è male.

Sul lato della formazione, Brunetti, Cavaliere e Abreu dovrebbero essere i prescelti per sostituire i partiti rispettivamente dalla difesa all’attacco. Non si cambia il modulo. Defezione dell’ultimo minuto: Lombardi con la febbre resta a casa.

Per i resti del Cassino sarà dura ma non impossibile fare risultato.

Condividi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi