Regione Lazio- Intitolata a Giulio Regeni la residenza universitaria di Ostia

Inaugurata ieri mattina ad Ostia la nuova residenza universitaria intitolata a Giulio Regeni.

Presenti il presidente, Nicola Zingaretti, il vicepresidente con delega all’Università, Massimiliano Smeriglio, il Rettore dell’Università Roma Tre, Luca Pietromarchi e Riccardo Noury, portavoce Amnesty Italia. All’inaugurazione hanno partecipato anche delegazioni di studenti da tutte le scuole superiori del X municipio: Democrito, Toscanelli, Enriques, Anco Marzio, Labriola, Verne, Faraday, Carlo Urbani per un totale di circa 130 ragazzi.

Il nuovo studentato in memoria di Giulio Regeni. La scelta dell’intitolazione è stata condivisa insieme ai ragazzi delle scuole di Ostia, che hanno deciso proprio per il nome di Giulio Regeni. Il nuovo studentato ha 50 posti letto, tre cucine e aule studio che già da oggi saranno a disposizione degli studenti nell’ex Enalc hotel di Ostia, una struttura che era abbandonata da anni e anni.

I genitori di Giulio, Paola e Claudio Regeni, hanno inviato un messaggio incoraggiando la scelta di ricordare così loro figlio Giulio sottolineando quanto “attiva e vivace è stata la sua vita da studente”.

Proprio qui nascerà il Politecnico del mare. Puntare qui su un grande Polo universitario di Ostia è così importante. Un progetto che stiamo realizzando insieme all’Università Roma Tre e a Laziodisu e che farà da traino per creare nuovo sviluppo sano per Ostia.

«Ostia non è solo mafia e criminalità. Faccio un appello ai mass media a non parlare di Ostia solo quando succede una tragedia. Spero che l’evento di oggi abbia lo stesso risalto, perché oggi apre qui una funzione pregiata dello Stato – parole del presidente, Nicola Zingaretti,  che ha aggiunto: noi non dimentichiamo Ostia: una facoltà di Roma Tre che svilupperà ricerca in un settore molto avanzato come l’energia prodotta dal mare, uno studentato con 50 posti letto per portare qui economia, vita, sapere e scienza. I ragazzi delle scuole hanno scelto di dedicarlo a Regeni: un bellissimo segnale».

Condividi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi