Il punto- Cassino perde posizioni, Real Cassino mantiene il primato. Che lotta in Eccellenza

La sconfitta del Cassino ad Aprilia destituisce i biancazzurri dal trono di terza posizione.

CASSINO. Brutto, a tratti bruttissimo, il Cassino che viene spazzato via da un buon, ma niente di più, Aprilia, capace Artattoodi fare breccia nelle incertezze degli uomini della Città Martire, praticamente la controfigura della squadra che è arrivata a 5 punti dalla vetta. Chiaro che non sono quelli gli obiettivi. Controsorpasso del Trastevere, prossimo avversario di Giglio e soci, il quale ha superato non senza fatica il Budoni. I cassinati hanno un’occasione d’oro per mettere la freccia e buttarsi alle spalle il fastidioso KO in terra pontina.

Un peccato perché questo turno ha visto rallentare l’ex capolista Atletico, “X” col Latina nel big match di giornata, e addirittura il fermarsi dell’Albalonga, sorpresa tra le mura amiche da un rigenerato Latte Dolce Sassari che si allontana con decisione dalle ultime posizioni: comincia a pagare la cura Paba. Approfitta per balzare al comando il Rieti che non si fa pregare a Lanusei vincendo 4-2, ma dimostra (ancora una volta) un certo scollamento difensivo. Approfitta di tutto questo proprio l’Aprilia che si porta a 3 punti dagli spareggi e culla sogni d’aggancio. Il colpo grosso delle retrovie lo mette a segno il Tortolì che vince in casa di un affossato San Teodoro aggravando ancor di più la sua crisi. L’Anzio conferma i progressi ma con l’Ostia è solo 1-1. Flaminia e Nuorese cedono con Lupa Roma e Monterosi e dovranno sudarsi la permanenza diretta in categoria.

Ecco risultati e classifiche

In Eccellenza, un’altra giornata caratterizzata dall’equilibrio. Comanda l’Audace che spazza via il Formia: 7-0 ed è notte fonda per i tirrenici che rischiano anche la retrocessione diretta, adesso a -1. A un punto dalla capolista si innalza il Latina Sermoneta che vince nettamente lo scontro al vertice in casa della Nuova Florida. Bene anche l’Anagni che la spunta ad Arce aggravando la crisi dei gialloblù a cui il cambio di panchina ancora non ha portato benefici. Male anche l’Insieme Ausonia ed il Morolo sorprese in casa da Cavese e Almas alle quali fanno beneficenza nel discorso salvezza: le prime posizioni si allontanano per le formazioni ciociare. Ruggisce anche il Colleferro (alla prima affermazione stagionale) che supera un pericolante Roccasecca.

Ecco risultati e classifiche

In Promozione, infine, comanda il Real Cassino Colosseo insieme alla compagnia di Itri e Monte San Biagio. I ragazzi di Nanni riescono a portare via tutto il bottino da Gaeta nella sfida col Mistral in una partita più complessa di quanto non dica la classifica. Grazie a questo successo i cassinati conservano il primato e sono l’unica squadra a non aver patito nessuna sconfitta in campionato. Il Monte vince in scioltezza col Tecchiena, gli itrani in maniera stirata ad Alatri. Non molla un centimetro il Sora che fa il suo al “Tomei” col Casalvieri e rimane attaccato al treno di vetta a -1. Stesso discorso per il Monte San Giovanni Campano che supera il Priverno confermando il suo ritardo dalla vetta di appena 3 lunghezze. Chi perde contatto con la testa è il Gaeta che viene sorpreso a Pontinia, mentre continua la sua ascesa il Terracina di mister Castellucci che vince con lo Scalambra Serrone. Dietro, niente da fare per l’Arpino che non trova punti nello scontro diretto col Vodice, benissimo, invece, il Suio uscito vincitore fuori casa a Lenola.

Ecco risultati e classifiche

Sim. Tes.

Condividi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *