Protesi parziali, si ancorano ai denti sani e garantiscono un sorriso del tutto naturale: soluzione ideale

Un trattamento protesico ha lo scopo di ripristinare la funzionalità di un’arcata dentaria ed ha il fine di scongiurare le dannose conseguenze che la mancanza di denti totale o parziale può avere sulla salute generale, su quella del cavo orale e sulle condizioni psichiche dell’individuo.

Dott.ssa Maria Pia Rongione
Dott.ssa Maria Pia Rongione

Gli scopi sono quindi molteplici: ripristino della capacità masticatoria con una normale funzione occlusale; riabilitazione fonetica; ripristino di un regolare rapporto tra lingua, denti, guance e labbra; stabilizzazione della dentatura residua se presente, estetica soddisfacente ecc.Non proprio funzioni secondarie.

Nei precedenti articoli abbiamo affrontato il come ed il perché rimettere i denti mancanti; la protesi fissa con l’implantologia e la protesi totale che ci permette di rimettere tutti i denti. La protesi fissa rappresenta il mezzo terapeutico più efficace in termini di funzionalità, estetica e accettazione psicologica da parte del paziente ma non sempre è possibile ricorrervi. Le protesi rimovibili possono sostituire tutti i denti (protesi totali) o solo alcuni di essi.

Le protesi che sostituiscono solo alcuni denti sono note come protesi parziali. Esse si ancorano ai denti che sono ancora presenti e contemporaneamente poggiano sulla gengiva laddove mancano i denti.

La protesi parziale è, dunque, sostituisce uno o più denti ed è indicata soprattutto in quei pazienti in cui non ci sono le indicazioni per la protesi fissa, ne ponti ne impianti. La sua tenuta è assicurata da ganci che spesso possono essere estetici ma a volte sono visibili nella bocca del paziente.

unnamed-3Questo tipo di protesi deve essere rimossa dopo i pasti per la pulizia. Per tutto il resto del tempo, giorno e notte, resta in bocca come parte integrante della stessa. E’ facilmente riparabile ed evolutiva nel senso che ove si dovessero perdere altri denti possono, fino ad un certo punto, essere aggiunti sulla stessa protesi.

Ne esistono di due tipi: l’apparecchio confezionato totalmente in resina e quelli che sono costituiti da resine su scheletro metallico (leghe biocompatibili). L’apparecchio completamente realizzato in resina si giustifica solo come soluzione provvisoria in quanto, se usati per lungo tempo, possono cariare e/o mobilizzare i denti rimanenti.

Gli apparecchi costruiti con scheletro metallico “Scheletrati” si compongono di uno scheletro metallico con ganci molto elaborati e di una parte di resina che porta i denti. Solitamente questa protesi è più leggera di quella completamente in resina e molto meno ingombrante ed è molto stabile. E’ possibile confezionarla anche sostituendo i ganci con degli attacchi di precisione non visibili rendendola così molto più efficace sotto il profilo estetico.

Per ulteriori informazioni rivolgiti ad un odontoiatra esperto di fiducia.

Dott.ssa Maria Pia Rongione

Via Arigni,86 Cassino

0776 311888

www.studioassociatorongione.it

Condividi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi