Oggi partono i saldi: i consigli del Codacons per acquisti sicuri

Finito il conto alla rovescia per la caccia all’affare. Cominciano sabato 1 luglio i saldi estivi in tutta Italia.

CASSINO. Una caccia all’affare che può riservare brutte sorprese, o almeno non essere l’affare i venditori annunciano. Il Codacons ha stilato un vademecum di 10 regole a cui prestare attenzione perché si tratti di veri saldi.

Lo scontrino- Da conservare sempre: non è vero che i capi in svendita non si possono cambiare. Il negoziante è Artattooobbligato a sostituire l’articolo difettoso anche se dichiara che i capi in saldo non si possono cambiare. Se il cambio non è possibile, ad esempio perché il prodotto è finito, si ha diritto alla restituzione dei soldi (non ad un buono). Avete due mesi di tempo, non 7 o 8 giorni, per denunciare il difetto.

Fondi di magazzino- Le vendite devono essere realmente di fine stagione: la merce posta in vendita sotto la voce “Saldo” deve essere l’avanzo di quella della stagione che sta finendo e non fondi di magazzino. State alla larga da quei negozi che avevano gli scaffali semivuoti poco prima dei saldi e che poi si sono magicamente riempiti dei più svariati articoli. È improbabile, per non dire impossibile, che a fine stagione il negozio sia provvisto, per ogni tipo di prodotto, di tutte le taglie e colori.

Occhio ai prezzi pre-saldo. Nei giorni che precedono i saldi andate nei negozi a cercare quello che vi interessa, segnandovi il prezzo; potrete così verificare l’effettività dello sconto praticato ed andrete a colpo sicuro.

Super sconti. Diffidare degli sconti superiori al 50%, spesso nascondono merce non proprio nuova, o prezzi vecchi falsi (si gonfia il prezzo vecchio così da aumentare la percentuale di sconto ed invogliare maggiormente all’acquisto).

Prezzi in vetrina. Gli esercenti sono tenuti ad esporre in modo chiaro e leggibile il cartellino che indica il vecchio prezzo, quello nuovo e il valore percentuale dello sconto applicato. La merce in saldo deve essere separata in modo chiaro dalla “nuova”.

Pagamenti Nei negozi che espongono in vetrina l’ adesivo della carta di credito o del bancomat, il commerciante è obbligato ad accettare queste forme di pagamento anche per i saldi, senza oneri aggiuntivi.

CALENDARIO SALDI ESTIVI 2017: Le date dei saldi estivi 2017 per ogni regione

Abruzzo: 1 luglio-30 agosto 2017
Basilicata: 1 luglio-2 settembre 2017
Calabria: 1 luglio-1 settembre 2017
Campania: 1 luglio-30 agosto 2017
Emilia-Romagna: 1 luglio-30 agosto 2017
Friuli-Venezia-Giulia: 1 luglio-30 settembre 2017
Lazio: 1 luglio (durano 6 settimane)
Liguria: 1 luglio-15 agosto 2017
Lombardia: 1 luglio-30 agosto 2017
Marche: 1 luglio-1 settembre 2017
Molise: 1 luglio-30 agosto 2017
Piemonte: 1 luglio (durano 8 settimane non consecutive)
Puglia: 1 luglio-15 settembre 2017
Sardegna: 1 luglio-30 agosto 2017
Sicilia: 1 luglio-15 settembre 2017
Toscana: 1 luglio-30 agosto 2017
Umbria: 1 luglio-30 agosto 2017
Valle D’Aosta: 1 luglio-30 settembre 2017
Veneto: 1 luglio-31 agosto 2017

Condividi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi