Di Mascio contro Petrarcone: «Come fa a criticarci? Sua amministrazione disastrosa»

CASSINO. Appena il tempo per godersi la pausa ferragostana che subito ricomincia la querelle tra maggioranza ed opposizione il comune, a Cassino. O meglio la disputa riguarda maggioranza e petrarconiani su Acea e primi mesi del mandato.

Stavolta è il capogruppo di Reazione (maggioranza a rispondere alle accuse mosse dall’ex sindaco Giuseppe Golini Petrarcone: «Rimaniamo sempre basiti quando a muovere critiche verso un’amministrazione in carica da due mesi sia qualcuno che per cinque anni ha abbandonato Cassino a se stessa, distruggendo tutto ciò che era stato fatto per il bene della città. Dunque, il consigliere comunale Giuseppe Golini Petrarcone, farebbe bene a contare fino a dieci prima di sparare a zero contro la giunta D’Alessandro, soprattutto alla luce dei disastri che ha compiuto con il suo esecutivo nella precedente legislatura».

«L’ex sindaco ha lasciato la nostra città allo sbando, ricordandosi di fare il primo cittadino soltanto quando c’era da fare qualche passerella. Sul caso Acea, dopo tutti gli errori che ha commesso farebbe meglio a tacere. Il primo ricorso contro la società romana lo ha presentato l’amministrazione D’Alessandro, anche con buoni risultati visto che è stata sospesa fino all’udienza dell’8 settembre la consegna delle chiavi dell’acquedotto comunale. Petrarcone è stato soltanto capace di non costituirsi dinanzi al Tar di Latina, facendo vincere ad Acea una battaglia che andava avanti da molti anni. Ci domandiamo, quindi, come fa il consigliere comunale a parlare dopo due mesi di pessima gestione amministrativa?

Gli ricordiamo, infatti, che abbiamo ereditato, purtroppo, una situazione non proprio rosea e problematiche sul quale il buon Petrarcone ha tirato a campare per ben cinque anni e su cui ora l’amministrazione D’Alessandro sta cercando di dare delle risposte. Anche perché il consigliere comunale non è riuscito nella scorsa legislatura ha mettere in campo un’azione che potesse favorire Cassino e i suoi cittadini»- è quanto emerge da una nota ufficiale.

Condividi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi