Mancata emissione scontrini, non sarà più evasione e i controllori dovranno usare “sensibilità”

La mancata emissione dello scontrino non sarà più considerata un atto di evasione fiscale.
Sostieni la ricerca in Neuromed: Metti la tua firma sul futuro della ricerca SanitariaA stabilirlo è una circolare della Guardia di Finanza ha infatti declassato l’atto a una condotta irregolare di portata limitata, dunque meno grave.

Oltre alla declassazione dell’atto, la circolare elenca una serie di regole di “buona condotta” rivolte agli ufficiali incaricati di eseguire i controlli negli esercizi commerciali. Durante le verifiche a loro si chiede, oltre all’esperienza, anche flessibilità ed equilibrio.

Il documento mette in risalto anche situazioni in cui le forze dell’ordine devono mostrare sensibilità dinanzi al “disagio personale” ed evitare di ostentare il distintivo, soprattutto di fronte a minori e anziani. La circolare elenca anche esercizi verso i quali le Fiamme Gialle dovranno mostrare una particolare comprensione. Si chiede di usare un occhio di riguardo per chi possiede negozi operanti anche di sera e di notte. Elasticità va mostrata per chi opera in località turistiche.

Più flessibilità, equilibrio ed esperienza, sono le doti richieste a chi effettua le verifiche. In sostanza sarà necessario l’uso del buon senso. A seconda delle situazioni, insomma, le Fiamme Gialle dovranno sapersi adeguare alle nuove regole.

 

Condividi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi