Maltrattamento animali, proposta M5S propongono pene inasprite e nuovi reati

di Zar

CASSINO. Arriva alla Camera dei Deputati una nuova proposta di legge sul maltrattamento degli animali, firmata Movimento 5 Stelle. L’attuale legge sul maltrattamento prevede pene che vanno dai 3 ai 8 mesi di carcere che possono essere commutate in un’ammenda da 5 mila a 30 mila euro.

La nuova proposta di legge pentastellata, invece, vuole evitare che il carcere si possa trasformare in una semplice multa e al contempo vuole imporre percorsi rieducativi in strutture come ad esempio i canili per chi commette questo genere di reato.

Ma non solo, i grillini mirano ad introdurre nuove fattispecie di reato, come il maltrattamento sessuale di animali, l’organizzazione di spettacoli vietati, ad esempio i combattimenti, la sospensione dell’attività per allevatori e imprenditori condannati per crimini contro gli animali e il maltrattamento colposo, ad esempio per chi lascia un animale chiuso in auto sotto al sole. Quindi si tratterebbe di un inasprimento per i reati già esistenti e l’introduzione di fattispecie di reato annessi è la proposta di legge che Paolo Bernini e Vittorio Ferraresi hanno portato alla Camera, proprio in un periodo dove l’abbandono  è all’ordine del giorno.

Una proposta di legge nata sullo slancio della campagna “Pene più dure per chi maltratta gli animali” dell’associazione Animalisti Italiani Onlus, con l’hashtag #penepiùdure, che lo scorso anno aveva coinvolto personaggi del mondo dello spettacolo, tra cui Rocco Siffredi.

Un sospiro di sollievo per le associazioni animaliste, e non solo, che giornalmente si confrontano con una realtà, spesso nascosta dai media, che trova sempre più scappatoie per quei delinquenti che abusano dei più deboli.

Condividi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi