Ciociaria – Merce ordinata online ma non arriva: la denuncia porta a galla un sistema

Sgominata una banda di truffatori seriali on line.

CASSINO. Una ventenne del sorano visita un negozio virtuale, sulla pagina di  un profilo Facebook, dove è pubblicizzata la vendita di numerosi articoli di abbigliamento ed accessori, di firme  prestigiose, a prezzi molto economici e vantaggiosi.

L’offerta è allettante e la giovane decide di acquistare, con pagamento carta prepagata, una borsa ed un paio di scarpe.

Trascorsi i necessari tempi tecnici, della merce ordinata nessuna traccia.

L’acquirente inizia a sospettare di essere stata truffata e decide, pertanto, di rivolgersi all’Ufficio Denunce della Questura.

La Polizia Giudiziaria della Squadra Volante, acquisiti gli elementi utili, dopo una ricognizione speditiva del profilo, risale all’identità di una donna residente a Città di Castello.

Artattoo Cassino

E’ il primo tassello dell’indagine: il suo ruolo è quello di prestanome per l’incasso fraudolento del denaro.

L’attività di polizia prosegue senza sosta per dare un volto ed un nome agli autori di quel progetto criminoso: emergono altri profili truffaldini, più di 400 le vittime poche le denunce formalizzate, a Frosinone 10, a volte per l’irrisoria cifra “raggirata”.

Il cerchio si stringe attorno ad una banda di Macedoni, 5 soggetti, orbitanti nella città di Pesaro e Urbino.

Tutti, deferiti all’Autorità Giudiziaria di Perugia, dovranno rispondere di associazione a delinquere, finalizzata alla truffa continuata, accesso abusivo a sistemi Informatici e frode Informatica, il tutto coordinato dal Pubblico Ministero Dott.ssa Miliani.

Condividi...

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi