Cassino, tenta il suicidio col gas, la sorella allerta la polizia e lo salva

CASSINO. In preda ad una crisi depressiva tenta il suicidio aprendo i fornelli del gas ma viene salvato dalla Polizia allertata dalla sorella alla quale non rispondeva al telefono.

E’ accaduto ieri a Cassino, l’uomo che da tempo soffriva di depressione aveva scelto proprio la giornata di Ferragosto per mettere fine alla sua esistenza. E ci sarebbe sicuramente riuscito se non fosse stato per l’allarme dato dalla sorella che aveva ripetutamente provato a mettersi in contatto con lui al telefono.

Non ottenendo risposta la donna non c’ha pensato su troppo ed ha provveduto a chiamare i soccorsi. Pochi minuti e sul posto si è portata una pattuglia di polizia. La puzza di gas era evidente e faceva intuire quanto stava per accadere. I poliziotti entravano nell’appartamento passando per un balcone e trovano l’uomo a terra tramortito coi fornelli del gas aperti. L’intervento del 118 e il poveretto veniva trasferito all’ospedale Santa Scolastica. Sul posto i vigili del fuoco provvedevano a mettere in sicurezza la casa.

 

 

Condividi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi