Cassino, D’Alessandro contro Acea:«Pensi a fare bene il suo lavoro, la smetta di polemizzare»

CASSINO. «Invece di alimentare sterili polemiche sui quotidiani, Acea pensasse ad erogare ai cittadini di Cassino, ma anche a tutti quelli della provincia di Frosinone un servizio efficiente, oppure pensasse a pagare le varie sanzioni che l’Antitrust gli ha inflitto per pratiche commerciali scorrette, maxifatturazioni e richieste di pagamento per consumi solo stimati. Si parla di quasi quattro milioni di euro che potevano sicuramente Immaginekihgbljjbvbhjkessere investiti sul territorio. Per quanto riguarda, invece, l’acquedotto comunale ci vedremo presto, ma non in Comune»-dichiara in una nota il sindaco del Comune di Cassino, Carlo Maria D’Alessandro.

«Voglio ricordare al gestore idrico che nell’ultimo mese alcune zone delle periferie sono rimaste senza una goccia di acqua, come ad esempio Caira, Fontanarosa, Collecedro e San Michele. In alcuni di questi casi l’interruzione del servizio idrico è durata addirittura otto giorni consecutivi. Insomma, Acea, con questa gestione che, passati il termine, fa acqua da tutte le parti, vorrebbe, quadruplicando le bollette, gestire anche l’acquedotto comunale?

Il compito di un Sindaco è quello di tutelare i cittadini ed il sottoscritto insieme a tutta l’amministrazione comunale farà del tutto perché ciò non accada, costi quel che costi. Per quanto concerne il fatto che secondo Acea, esista soltanto una sentenza del Consiglio di Stato, che purtroppo non è derivata dalle nostre azioni, ma da quelle dell’amministrazione Petrarcone, la quale negligentemente e deliberatamente non si è costituita in giudizio dinanzi al Tar, comunico ufficialmente che a breve sarà depositato il ricorso del Comune di Cassino contro la nomina del

Commissario Acta nominato dal Prefetto della Provincia di Frosinone. Sappiamo che la circostanza relativa alla mancata costituzione dell’ente è stata motivo di soddisfazione per Acea, perché è riuscita ad ottenere, dal centro sinistra e dal PD, di più di quanto si potesse sperare, ma credo, sia evidente, che il registro è cambiato e che il gestore idrico con la mia amministrazione non avrà vita facile”- chiude D’Alessandro.

Condividi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi