Cassinate, “mani lunghe” e minacce anche durante la gravidanza della compagna: 34enne alla sbarra

CASSINO. Le presunte violenze sulla sua compagna finiscono in un fascicolo della Procura di Cassino che chiude le indagini su un 34enne del cassinate accusato di aver infierito con minacce, percosse e intimidazioni sulla compagna, una 32enne.

Queste non si sarebbero placate neanche nello stato di gravidanza della donna costretta a subirne a man bassa anche dopo il parto che ha dato alla luce la bimba della coppia. Ci sarebbero anche dei referti medici stilati dal Pronto Soccorso a testimonianza delle denunce inoltrate dalla donna che avrebbero infervorato le reazioni dell’uomo. Naturalmente il compagno nega tutti gli accadimenti. Il Gip ha chiuso le indagini preliminari durante le quali ha disposto il divieto di avvicinamento per il 34enne alla donna a scopo precauzionale.

Ora la palla passa ai difensori dell’accusato per elaborare una strategia atta a smontare il castello accusatorio.

Condividi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi