Cassinate, i carabinieri allontanano sospetti che si aggiravano nei pressi di case isolate

I carabinieri rafforzano i controlli sul territorio durante il ponte del 1 maggio ma non solo.

Ristorante Pizzeria La Cortiglia - VallerotondaA Piedimonte San Germano, i Carabinieri della locale Stazione hanno denunciato per l’inosservanza del foglio di via obbligatorio, un 26enne residente nel napoletano, già censito per lo stesso reato e allontanato da vari comuni italiani, poiché veniva controllato nel centro abitato mentre si aggirava in atteggiamento sospetto ed inadempiente al divieto di far ritorno nel citato comune per un periodo di tre anni, emesso dal Questore di Frosinone. I Carabinieri, inoltre, proponevano alla Questura di Frosinone, per l’irrogazione del Foglio di Via Obbligatorio un 26enne, anch’egli residente nell’hinterland partenopeo, sorpreso mente si aggirava con fare sospetto nei pressi di autovetture parcheggiate nel piazzale antistante un noto centro commerciale.

A Picinisco, i Carabinieri della locale stazione hanno sorpreso alla guida di un utilitaria, un 23enne di Atina, sprovvisto di patente di guida poiché mai conseguita. Il giovane è stato deferito in stato di libertà, per guida senza patente. Inoltre hanno proposto alla Questura di Frosinone, per l’irrogazione del foglio di via obbligatorio, un 49enne, già censito per reati contro il patrimonio e la persona, poiché veniva controllato mentre si aggirava in atteggiamento sospetto nei pressi di abitazioni isolate.

A Cassino, Atina e Sant’Elia Fiumerapido i militari delle competenti stazioni, proponevano alla Questura di Frosinone per l’irrogazione del Foglio di Via Obbligatorio, quattro persone, di cui una di nazionalità rumena e tre di origine partenopea, già censiti e con precedenti penali per reati contro il patrimonio, che venivano controllati nei pressi di abitazioni isolate, esercizi pubblici e mercati dei sopracitati comuni, senza fornire alcuna plausibile spiegazione circa la loro presenza in loco. Stante i presupposti di legge, venivano proposti alla Questura di Frosinone per l’allontanamento dal citato comune per un periodo di anni 3.

Nel corso dello stesso servizio effettuavano:

– 12 controlli a persone sottoposte agli arresti domiciliari;

– 95 identificazioni personali;

– 82 controlli veicolari;

– 9 contravvenzioni al Codice della Strada elevate;

– 12 perquisizioni personali, veicolari e locali.

Condividi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi