Cassazione- La mano morta è violenza sessuale

La mano morta è violenza sessuale. Un caso destinato a fare giurisprudenza.

La Cassazione ha confermato la condanna per violenza sessuale per un 57enne che aveva palpeggiato una passeggera su un autobus di linea a Roma. La donna aveva deciso di denunciare l’imputato e un altro uomo. Prima il tribunale nel novembre 2009, poi la Corte d’Appello di Roma nel settembre 2015 hanno ritenuto entrambi colpevoli di violenza sessuale in concorso.

Nella sentenza (n. 51581 della terza sezione penale) non è specificata l’entità della condanna.

Il codice penale punisce la violenza sessuale con la reclusione da cinque a dieci anni. La Cassazione ha respinto il ricorso dell’unico imputato che si era rivolto alla Suprema Corte e ha confermato la condanna, disponendo per l’uomo il pagamento delle spese processuali.

Condividi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *