Calcio- Stasera Italia-Svezia: ultima chiamata per la Nazionale, Mondiale a rischio

Ultima chiamata mondiale per l’Italia di Gianpiero Ventura che vede fortemente a repentaglio la qualificazione alla fase finale dei Mondiali.

CASSINO. Alle 20.45 saranno in 70mila a spingere Buffon e soci verso Russia 2018. Gli azzurri hanno dilapidato tutto quello che potevano. Ora non ci sono più jolly né ultime spiagge, c’è solo da vincere. E potrebbe anche non bastare: l’1-0 maturato venerdì scorso a Solna è un risultato molto antipatico da ribaltare. Subire una rete significa dover raddoppiare gli sforzi: se i gialloblù andassero a bersaglio a noi servirebbero 3 marcature per staccare il pass per i Mondiali del prossimo anno. Altrimenti sarebbe uno storico fallimento. Quasi 60 anni fa, nel 1958, fu l’unica edizione in cui la Nazionale italiana mancò la qualificazione sul campo, se si tralascia Uruguay 1930, quando si decise di non partecipare per i costi ingenti del viaggio e l’impervia trasferta.

Niente di buono ha lasciato l’andata del playoff in terra di Svezia: né nel punteggio ancor meno nel gioco. Togliendo un paio di azioni, l’undici italico è stato di un piattume imbarazzante portando dalla sua solamente uno sterile possesso palla. Ci si gioca oggi tutto con tentando di dimenticare in fretta la non prestazione in Scandinavia e cambiando anche qualche interprete per rianimare una squadra. Fuori il senatore De Rossi assieme a Verratti (squalificato) e Belotti dentro Florenzi, Jorginho e Gabbiadini, Ventura prova la mini rivoluzione per assaltare il fortino nord europeo.

Un fallimento aprirebbe una fase nuova in Federazione con tante teste che cadrebbero. E chissà che una Nazionale così chiacchierata non possa avviare una ciclo di profondo rinnovamento anche in caso di passaggio.

Ecco la probabile formazione. Confermato il 3-5-2: in porta Buffon; BBC confermata con  Barzagli, Bonucci e Chiellini; in mediana da destra a sinistra Candreva, Parolo, Jorginho, Florenzi, Darmian; in avanti la coppia Immobile- Gabbiadini.

Simone Tescione 

 

Condividi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *