Calcio. Ritmi bassi in campo e trenini in tribuna. Poi Della Pietra decide che il Cassino non deve perdere

di Antonio Tescione

CASSINO. Non poteva essere un Cassino scintillante quello sceso in campo ieri al “Salveti” contro l’inguaiatissimo Monte San Giovanni Campano, e in effetti non lo è stato. Con la promozione in cassaforte, i biancazzurri non hanno mai premuto il piede sull’acceleratore. Questione di stimoli e di uno scarico mentale molto naturale dopo una stagione tiratissima e i festeggiamenti cominciati mercoledì scorso e che si protrarranno fino al 7 maggio. Ritmi bassi, pochissime emozioni. Avversario modesto che doveva far risultato pieno ad ogni costo e che solo nel primo tempo ha cercato di far gioco sperando di sorprendere avversari appagati. Anche se la migliore occasione l’ha avuto nella ripresa presentandosi con 3 uomini in contropiede davanti a Della Pietra che è riuscito a metterci una pezza con grande destrezza.

Mister Castellucci la partita avrebbe voluta vincerla e così ha cercato di cambiarla inserendo a ripresa inoltrata Lombardi, Macciocca e il cresciutissimo Di Vito che hanno dato più sprint alle manovre cassinati. Senza gol e senza grosse emozioni i tifosi hanno festeggiato improvvisando un carosello passato per la tribuna centrale.

La pagella del Cassino.

Il portiere del Cassino Luca Della Pietra

Della Pietra 8: è difficile farsi trovare pronto una volta sola nell’arco di una intera partita. Chiudendo gli spazi ha salvato la propria porta nell’unica occasione avuta dai monticiani in contropiede. Bravo!

Caggiano 6: viaggia bene in corsia si vede che ha molta voglia di mettersi in evidenza il classe ’98 che potrebbe tornar di conto pure il prossimo anno.

Verdone 6: la troppa panchina l’ha un po’ arrugginito. Ha potenza nelle gambe e nelle giornate migliori fa la differenza. Ieri però non era la sua giornata migliore.

Partipilo 6.5: costante nel rendimento pure nelle partite che non contano niente.

Ruggieri 6.5: si fa apprezzare per il suo senso tattico e per l’innegabile esperienza.

Mercurio 7: passerà alla storia del calcio cassinate per essere stato il capitano anima e core del Cassino che torna in D dopo 11 anni. In campo dà sempre tutto.

Darboe 7: è il beniamino della tifoseria, di sicuro lo vedremo in campo pure il prossimo anno. E’ un vero guerriero sempre col coltello fra i denti.

Corrado 6.5: gioca come sa. Peccato che in una delle poche occasioni avute dai suoi spreca davanti a Lisi.

Giglio 6: non segna ma pare non pesargli più di tanto. I suoi gol li ha fatti nei momenti importanti e questo gli basta anche se la classifica cannonieri potrebbe aggiungere ancora un alloro.

Salese 7: nel primo tempo è il più intraprendente dei suoi. Ispirato e molto deciso gioca molti palloni e prova pure a tirare ma senza fortuna.

Carlini 6: meglio quando entra a partita iniziata per sfruttare la sua velocità con gli avversari appannati dalla fatica. Comunque il suo lo fa.

Subentrati

Lombardi 7: entra nella ripresa e si distingue per velocità e dribbling ubriacanti.

Macciocca 6.5: entra e gioca con intraprendenza: passaggi di prima e buone giocate.

Di Vito 6.5: Porta fisicità e corsa sulla fascia. Si candida ad una maglia anche per l’anno prossimo.

Condividi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi