Calcio. Prima Categoria, il Cervaro all’assalto del Pontecorvo. Il Ds Russo: “Serve umiltà”

CASSINO. L’Atletico Cervaro calca la mano e mira ai dritto dritto ai 3 punti domani nel derby contro il Pontecorvo. Nella compagine allenata da mister Massimo Scagliarini l’umore è ottimo anche se c’è un lieve rammarico per il pareggio conseguito a Veroli domenica scorsa, un risultato pieno avrebbe avvicinato ulteriormente il podio che ora è distante comunque soli tre punti. Un Cervaro che convince e sembra intenzionato ad indossare fino alla fine i panni della matricola terribile: l’unico KO per i biancoblù è arrivato con molto rammarico in casa per mano del Sora quando Canale Parola e compagni uscirono sconfitti immeritatamente. Si conferma squadra tosta ed organizzato l’Atletico che però per voce del suo instancabile DS Antonello Russo intende mantenere un basso profilo teso a tenere i piedi a terra: “Abbiamo dimostrato di essere una buona squadra- commenta soddisfatto lo stesso Russo- grazie ad una difesa solida, un centrocampo che fa un ottimo filtro ed un attacco di livello che ha grossissimi margini di miglioramento: un po’ la sfortuna, un po’ la bravura del portiere avversario, un po’ del nostro e purtroppo non siamo riusciti a portare ai 3 punti da Veroli».

Antonello Russo, Direttore Sportivo dell'Atletico Cervaro
Antonello Russo, Direttore Sportivo dell’Atletico Cervaro

Ma domani è già tempo di tornare in campo perché il Cervaro è atteso da un impegno solo sulla carta abbordabile: il Pontecorvo è ultimo in coabitazione ma può beneficiare di una classifica quasi piatta in coda, con ben 8 squadre chiuse negli ultimi 3 punti. Ed i fluviali non sembrano voler andare a Cervaro a regalare punti: «Questo ce l’aspettiamo anche perché conosco bene quella realtà e credo che sia davvero un’ottima formazione. Noi faremo la nostra partita coscienti delle nostre forze e possibilità. Mi sta sorprendendo in maniera positiva la nostra terza linea che con l’acquisto di Valerio Oliva ha fatto il salto di qualità, ma in generale la compattezza della squadra è veramente notevole».

Immediatamente, però, arriva il bagno di umiltà dell’appassionato dirigente dell’Atletico che ammonisce: «Le partite si devono vincere sul campo, non per meriti acquisiti nelle partite precedenti. Dobbiamo dimostrare di meritarci il piazzamento ogni domenica. Con lo Sporting non sarà facile perché se da una parte è vero che la classifica denota delle differenze, dall’altra bisogna tener conto che quando poi ti vai a scontrare in campohartigans300x250ok la graduatoria non conta. E’ un pezzo di carta. Anche a Veroli ci presentavamo meglio piazzati eppure non abbiamo vinto, quando non parti magari coi favori del pronostico, sembra che si amplifichifino le energie. Guai comunque a pensare di avere vita facile: restiamo umili».

Capitolo formazione. Mister Massimo Scagliarini avrà la sola indisponibilità di Matrundola appiedato dal giudice sportivo. Al suo posto largo a Palombo al fianco di Oliva con Canale Parola a destra e Scalesse a sinistra davanti a Diafani. A centrocampo Risi in regia con Parisi e il ballottaggio tra Izzo e Venturini a completare la mediana. In avanti Manetta e Pielingieri sono sicuri di una maglia, testa a testa tra Carbone e Pinchera per la terza casacca offensiva.

Condividi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi