Atina- Fermato per la terza volta con la patente mai conseguita: denunciato

Continuano i controlli della compagni dei carabinieri di Cassino in tutto il territorio che hanno portato a 3 denunce.

CASSINO. Nello specifico, in questo fine settimana sono stati svolti servizi tesi a prevenire i  reati contro il patrimonio, il consumo e lo spaccio di sostanze stupefacenti e le infrazioni al Codice della Strada, in particolare la Sostieni la ricerca in Neuromed: Metti la tua firma sul futuro della ricerca Sanitariaguida sotto l’effetto di sostanze alcoliche/psicotrope” attraverso un massiccio controllo alla circolazione stradale  sulle principali arterie e snodi di comunicazione, in prossimità del casello autostradale dell’A1 di competenza e  nelle adiacenze delle Stazioni Ferroviarie. Sono state inoltre eseguite specifiche attività finalizzate alla captazione  di soggetti d’interesse operativo.

In particolare due giovani di Napoli (un 35enne ed un 32enne), entrambi disoccupati, già gravati da vicende penali per reati contro il patrimonio, poiché resisi responsabili “dell’ inottemperanza al provvedimento dell’Autorità di P.S.”, in quanto sorpresi nei pressi dell’area di parcheggio di un centro commerciale sito in Piedimonte San Germano, nonostante fossero colpiti dall’ordine di divieto di ritorno in quel comune.

Inoltre un 19enne residente ad Atina è stato fermato nell’ambito di un servizio di controllo alla circolazione stradale, mentre er  alla guida di un autovettura, risultava sprovvisto della “patente di guida in quanto mai conseguita”. Gli ulteriori accertamenti svolti dai militari operanti permettevano di evidenziare che il suddetto giovane, nel 2016,  era già stato deferito alla competente A.G., per ben due volte, per aver commesso analogo reato.

Inoltre, nell’ambito dello stesso contesto operativo, venivano controllate 102 persone e 91 veicoli, elevate 11 contravvenzioni al Codice Della Strada, eseguite 7 perquisizioni (personali, veicolari e domiciliari) nonché venivano  eseguiti 9 controlli  nei confronti di altrettante persone sottoposte agli arresti domiciliari.

Condividi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi