Arrivi di migranti a Vallerotonda: il sindaco smentisce ma l’edificio che avrebbe dovuto ospitarli viene danneggiato

Nei giorni scorsi era stata la paventata la possibilità che la comunità di Vallerotonda potesse ospitare dei migranti in un edificio messo a disposizione da un privato, scatenando la preoccupazione da parte di più di qualche cittadino.

CASSINO. In paese la notizia si è allargata a macchia d’olio ed ha raccolto l’opposizione di una parte della cittadinanza che vede minacciataArtattoo la propria tranquillità, anche se non tutti la pensano in questo modo. A gettare acqua sul fuoco sulla questione, però, è stato il sindaco del paese della Val di Comino, Gianfranco Verallo, che in un post su Facebook pubblicato nei giorni scorsi, ha scritto di aver provveduto a parlare coi proprietari dello stabile disposto ad ospitare i migranti ed averli convinti a desistere alla stipula del contratto: «…Contattavo i proprietari dell’abitazione e rappresentavo loro le perplessità e la contrarietà di tutta l’Amministrazione a questa iniziativa, convincendoli a desistere dalla firma del contratto»…«Ringrazio loro, per aver raccolto le nostre esortazioni convito, come sono, che ne trarranno vantaggi, di sicuro, d’immagine»…«Cosa ci farebbero dei migranti a Vallerotonda? Quali Ristorante Pizzeria La Cortiglia - Vallerotondaprospettive di inserimento sociale se siamo in grado di assicurare ben poco ai nostri? Vivrebbero, quindi, nell’ozio e nella noia che potrebbe, di conseguenza, degenerare in azioni pericolose per l’incolumità Pubblica. In conclusione non ritengo che il nostro Comune si presti ad inserimenti di questo genere e per queste considerazioni non abbiamo aderito ai progetti SPRAR di inserimento programmato dei migranti».

Ma le rassicurazioni del sindaco di Vallerotonda evidentemente non sono bastate, in quanto è notizia di stamane che la struttura che avrebbe dovuto ospitare i richiedenti asilo è stata danneggiata da ignoti. Probabilmente un atto di ritorsione da parte di qualcuno ancora non pienamente convinto, o una ragazzata. A comunicarlo è lo stesso Verallo che in un post di oggi su Facebook scrive: «Nella mattinata di oggi, venivo raggiunto telefonicamente dal proprietario dell’immobile che avrebbe dovuto ospitare i migranti, il quale mi comunicava di aver subito un atto vandalico consumato nella rottura dei contatori della fornitura elettrica, a suo dire, riconducibile alla iniziale volontà di ospitare migranti. A mio avviso questo atto è di estrema gravità perché se da una parte realizza un reato nei confronti di un privato, dall’altra può rimettere in discussione tutta l’opera di convincimento fino ad ora messa in campo. Ricordo agli scriteriati che se un privato decide di ospitare migranti, dopo aver adeguato l’immobile alla nuova destinazione d’uso, non ci sarà Sindaco, Amministrazione o Comitato che possa impedirlo. Per tutto ciò, evitiamo che vengano prodotte azioni che ledono il diritto del privato e nel contempo torniamo a ringraziarlo per aver raccolto le nostre ragioni».

Condividi...

Un pensiero riguardo “Arrivi di migranti a Vallerotonda: il sindaco smentisce ma l’edificio che avrebbe dovuto ospitarli viene danneggiato

  • 4 Maggio 2017 in 7:08
    Permalink

    Sulla base di quali prove o elementi si mette in relazione questa circostanza con la notizia migranti? Non ci sto proprio a far passare Vallerotonda in questo modo. Tutto ciò che accadrà a quell’immobile da ora in avanti sarà per ritorsione?

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi