Anticipi a fronte di auto non consegnate: denunciata una coppia

Anticipi a fronte di auto mai consegnate. Questo è stata il raggiro operato da un intermediario nella vendita di automobili spalleggiato dalla sua compagna.

CASSINO. I fatti risalgono al 2016, quando nel mese di ottobre, la signora ha mostrato interesse ad acquistare una nuova auto.Artattoo

Esternata l’intenzione ad un conoscente, un mediatore mette in contatto la 74enne con un 35enne residente in Ciociaria, garantendole di concludere un buon “affare”.

La donna, consultatasi con il marito, decide di procedere all’acquisto di una Lancia Y che le viene proposta al costo di 5.500 euro.

L’anticipo richiesto per concludere la trattativa è di 3.200 euro.

Il venditore, nell’intento di guadagnare la fiducia dei nuovi clienti, presenta le necessarie certificazioni, rivelatesi poi false, comprovanti  l’avvenuto acquisto del veicolo ed il relativo aggiornamento della carta di circolazione.

La documentazione è prodotta da un’agenzia di pratiche auto la cui titolare è una 36enne originaria del Veneto, nonché moglie del venditore.

La consegna del veicolo subisce notevoli ritardi e gli anziani coniugi, stanchi di un’attesa ormai estenuante, iniziano a dubitare di aver fatto un buon affare e decidono di richiedere una visura al PRA: il passaggio di proprietà non è stato mai registrato.

Alle ovvie proteste degli acquirenti, il venditore tergiversa ed offre loro una nuova proposta “vantaggiosa”: un’ elegante berlina al costo di 11.000 euro. Andavano versati altri  2.500 euro per l’anticipo.

L’anziana coppia, pensando così di poter recuperare la somma precedentemente versata, cede alla “tentazione”, ricevendo in garanzia un assegno di uguale importo a firma della moglie del 35enne.

Nemmeno in questo caso l’auto viene consegnata ed i querelanti decidono di incassare l’assegno avuto in garanzia.

Il titolo, però, viene rifiutato, poiché recante una firma, come verrà accertato in seguito, appositamente illeggibile, per evitarne proprio la contabilizzazione.

Alle ennesime proteste degli acquirenti, il commerciante mostra altra documentazione prodotta sempre dall’agenzia della moglie: stavolta i clienti non si lasciano ingannare.

Ecco allora che rientra in gioco il mediatore che aveva messo in contatto le parti e  le innumerevoli vicissitudini si  placano.

Ristorante Pizzeria La Cortiglia - VallerotondaOvviamente per gli anziani coniugi l’“iter” è sembrato alquanto anomalo e, accogliendo pienamente l’invito della Polizia di Stato a segnalare sempre ogni episodio sospetto, hanno interessato della loro vicenda i poliziotti di Frosinone.

Scattano tempestive e precisissime indagini che hanno permesso di accertare  il “modus operandi” intenzionalmente fraudolento dei “Bonnie e Clyde della truffa”, che vengono denunciati.

Tra i reati contestati, dagli uomini della Squadra Volante, oltre alla truffa in concorso, anche l’intestazione fittizia.

Condividi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi