A1- Polizia recupera un’auto e due centraline rubate: in 3 nei guai

Polizia al lavoro sulla rete autostradale in zona di Cassino. I controlli hanno portato a dama in un paio d’occasioni dove sono stati recuperati 2 bottini.

CASSINO. Stanotte, in seguito a segnalazione, da parte del Centro Operativo Polizia Stradale di Roma, di un Range Rover Sport di colore nero rubata in serata a Pontedera, provincia di Pisa, una pattuglia della Sottosezione Polizia Stradale di Cassino nota, nel territorio del comune di Mignano Montelungo, transitare a forte velocità un’auto simile a quella da ricercare.

Ristorante Pizzeria La Cortiglia - Vallerotonda

Prontamente gli operatori intimano l’”alt” al conducente, che si ferma nei pressi di una vicina piazzola di sosta.

Nel corso del controllo gli agenti constatano che il finestrino della portiera anteriore lato passeggero è incrinato, sono stati manomessi l’impianto elettrico ed il blocco di accensione, con l’utilizzo di una chiave creata ad hoc proprio per  la messa in moto  senza quella originale.

Il conducente, un 54enne, nato e residente a Napoli, viene deferito all’Autorità Giudiziaria per ricettazione, mentre l’auto è stata restituita  al legittimo proprietario giunto da Pisa e che nel frattempo aveva sporto denuncia contro ignoti.

Successivamente, alle ore 03.00, sempre nel corso dei servizi di vigilanza e prevenzione predisposti in ambito autostradale, un’altra pattuglia della Sottosezione Polizia Stradale di Cassino, in transito sulla tratta di competenza Cassino/Ceprano, procede, nel territorio del comune di Colfelice, al fermo di un’autovettura Renault Megane con due persone a bordo.

Sono due fratelli, rispettivamente di 26 e 24 anni, nati e residenti in provincia di Napoli.

Esibiscono una carta di circolazione attestante la proprietà della vettura da parte di un 33enne nato in Brasile ma residente in provincia di Caserta, con la dichiarazione rilasciata da una ditta con sede in provincia di Potenza che  legittimava all’utilizzo il conducente.

Quest’ultimo, da una verifica attraverso la banca dati delle Forze di Polizia, risulta avere precedenti di polizia per reati contro il patrimonio; inoltre i fermati non danno contezza circa il loro viaggio, asserendo di essere stati in visita da una fantomatica zia, senza essere in grado, però, di fornire né il nome né l’indirizzo.

Gli operatori, insospettiti dalla situazione, decidono, pertanto, di ispezionare il mezzo: all’interno dello stesso, occultati sotto i sedili e negli schienali, vengono rinvenute due centraline con la scritta “Tiguan” e “Q3” necessarie per l’accensione dei veicoli di quel tipo, oltre a numerosi arnesi atti allo scasso.

Tutto il materiale è posto sotto sequestro ed i due campani vengono denunciati in stato di libertà per ricettazione e possesso ingiustificato di arnesi atti allo scasso.

Condividi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi